Il pittore Giuseppe Faraone raccontato dalla Gallerista Ursula Petrone

(Ursula Petrone)

Gallerista

SCRIVE

Ursula Petrone nell'occasione della mostra permanente di Giuseppe Faraone alla Petrofil Gallery (già Rizzoli Arte) nell' ottobre 1991 scrive: Un itinerario di coraggiosi rifiuti -Ecco in sintesi, la vita artistica di Giuseppe Faraone, che ha rinunciato all'esercizio di vari ismi, che non si è fatto allettare dai richiami della nuova figurazione, che non si è mai adagiato sulle posizioni di comodo di una pittura facilmente leggibile ma non impegnata, che insomma, non si è fatto mai coinvolgere nel facile gioco delle proposte estetiche del nostro tempo. Giuseppe Faraone è un artista consapevole che non lascia niente al caso ed alla improvvisazione, che non lascia spiragli di ambiguità all'interpretazione dei suoi lavori. Perché la sua è l'espressione sincera e soprattutto sentita del veduto: perché i suoi paesaggi in specie che richiamano alla mente le opere dei maestri labronici della nobile tradizione macchiaiola -dai toni pacati sommessi, dalla pennellata succosa, dalla cromia ricca ma sempre equilibrata e dall'impegnativo disegno, sono permeati di un aristocratico preziosismo estetico che evidenzia il carattere dell' artista e conferma la validità di un particolare efficace tipo di testimonianza pittorica. È pittura minuziosamente oggettivata e orgogliosamente disimpegnata, il cui impianto impressionistico rivela sensibilità non comune ed esprime una particolare comunicativa. Niente di celebrale, tutto limpido e cristallino nella pittura di Giuseppe Faraone, per dire delle validità della quale non è nemmeno . necessaria la solita premessa, non è necessario il solito discorso spieganti motivi della sua formazione artistica, più che un erede dei macchiaioli toscani -come lo hanno definito con una certa efficacia più di un critico, ed un' artista -è il continuatore in chiave moderna, su moduli attuali, di un modo di dipingere "en plein air" (per quei colori per quegli impasti, soprattutto per quei temi che lui propone) di un modo caro ai vecchi macchiaioli. -È il prosecutore , su binari coerentemente moderni, di una scuola che fa sentire, e, che continuerà a far sentire nel tempo, la sua poetica e tutto il suo fascino. Sempre Ursula Petrone nell ' occasione della mostra di Giuseppe Faraone a Venezia nell ' autunno del 1993 scrive: Nella splendida cornice di questa meravigliosa città lagunare, Giuseppe Faraone, trova la giusta collocazione per le sue semplici, delicate, incomparabili opere artistiche. Reduce dai numerosi successi ottenuti nelle precedenti mostre (successo di critica, pubblico e stampa) in varie ed importanti città d'ltalia, l'ultima la Personale tenuta alla Petrofil Gallery, dove con la vendita di ben ventisette opere, i piccoli ospiti del Filo d' Oro hanno aggiunto una maglia al filo stesso per continuare a beneficiare della bontà e solidarietà del popolo Italiano. Di solito all'apertura di una mostra, c'è sempre un critico d'arte che presenta i lavori sell ' artista, ma in questa occasione, io non mi sento nè di criticare nè di presentarlo; i dipinti sono qui alle pareti, essi parlano da soli, si presentano da soli: sono borghi, piazze, paesaggi, dove Giuseppe Faraone ha sostato, dove l'estro l'ha fermato. Posso io comune mortale decantare la bellezza della natura ? Ha forse il Creatore un critico d'arte? Il maestro dei maestri, colui che inventò il Mondo e che creò l'uomo non ha bisogno di presentazione. Egli ci donò una natura incontaminata, pura, indicò a pochi eletti di fermarla sulla tela, di dare non solo un ricordo ma una speranza che: il verde dei boschi, le albe gloriose, i tramonti silenziosi, possano torna- re e sconfiggere coloro che per sopruso, per vandalismo o per interesse pecuniarie hanno quasi distrutto. A questo punto non si può separare l' immagine del pittore dal bravo gallerista Giorgio De Dauli, uomo di una vitalità esuberante, dal rapporto caldo, dalla cordialità unita al sorriso. La sua attività si espande a macchia d'olio: Venezia -il nucleo - Spoleto: due bellissime Gallerie che mi riprometto di visitare, infine Milano .Ma l'una non è secondaria all'altra: Gallerista e sostenitore di giovani pittori, spesso con successo ha riproposto pittori dimenticati, il richiamo di questi dopo il silenzio, è un richiamo di merito da riconoscer a Giorgio, spesso per citarlo l'ho definito entrepeneur d'arte. Il contributo a far circolare in Italia opere d' arte meritevoli di un più largo contatto con il pubblico egli lo dà: instancabile, dal Nord al Sud, in frequenti contatti con Gallerie.

Lo studio dell'artista è visitabile previo appuntamento tutti i giorni

Tana dell'Arte, studio pittore Giuseppe Faraone
Il contenuto di Google Maps non è mostrato a causa delle attuali impostazioni dei tuoi cookie. Clicca sull' informativa sui cookie (cookie funzionali) per accettare la policy sui cookie di Google Maps e visualizzare il contenuto. Per maggiori informazioni, puoi consultare la dichiarazione sulla privacy di Google Maps.
Giuseppe Faraone, il poeta dei colori
Giuseppe Faraone

 Sono un romantico sognatore che giorno per giorno scrivo il mio romanzo fatto di sogni colorati:

I colori da soli non dicono nulla, è l'artista che li anima mescolandoli insieme al suo stato d'animo, cosi nasce la pittura che non deve essere necessariamente né gioiosa né esteticamente bella, ma solo la cronaca delle proprie emozioni. Questa è la mia la mia Arte

(Giuseppe Faraone)

The colors themselves do not mean anything it's the artist who brings to life, by mixing them with his soul. Thus the painting is created. It does not have to be perfect, but moving and full of emotions.

This is my art “ (Giuseppe Faraone)

Omaggi a  Giuseppe Faraone

A Giuseppe Faraone di Adelia Rossi

 

Cantastorie sognatore.

Racconta la vita con maestria.

Or con pennellate

intrise di buon umore,

altre pervase

da una languida malinconia

che sgorga dall'intimo del cuore.

Basta una nota intrisa di pianto,

la carezza del vento

in un campo di grano,

o un gatto che osserva poco lontano.

Coglie l’essenza di ogni cosa

anche laddove qualcuno non osa….

pure fosse l’estremo pensiero

che vagabonda per via

lui coglie l'estro di fare poesia.

 

Adelia Rossi (poetessa)

Giuseppe Faraone, Parigi

All'amico Giuseppe Faraone

Sei Giuseppe tu

o d'altro nome ti fregi?

Forse sangue di limo

scorre tra i pensieri e

nelle dita sporche di colore.

Faraone ti chiami

eppur senza schiavi nè ancelle

lontani i cieli cobalto

palazzi , bistro e corona:

dinastie sedotte dal tempo.

Ma sei qui, come allora

e scordata la gravità del Rango

dipingi con l'oro degli avi.

Da canopi ormai arsi

forgi con l'occhio

arcobaleni evanescenti

che dalle mani fai

divenir confini di luce.

Emanuela Carniti Merini

 (Poetessa figlia di Alda Merini)

Flavio Nimpo

La pittura di Giuseppe Faraone è sommesso canto d’anima, che evoca, sussurra, rimembra lungo una scia di stati interiori, impressioni, emozioni, che si fissano sulla tela con sensibilità artistica intimamente legata a talento e suggestive scelte cromatiche. Le pennellate sono specchio di uno sfogo lirico tradotto in racconto icastico e tutto rivela la potenza espressiva del colore fra sfumature, digradazioni, variazioni, capaci di intensa vis rappresentativa. Per l’artista dipingere equivale a splendido volo: la tela si traduce in etereo librarsi verso orizzonti infiniti…

Flavio Nimpo (poeta)

 

IL CANTO DELL'ANIMA 

Le pennellate di un pittore

sono guidate dal cuore

tramite la sua mano, 

che sinuosa danza e si muove

lasciando sulla tela colore, passione.

Ci puoi leggere la sua sensibilità

mescolata a tanta creatività,

ma anche tante emozioni,

ammirando ciò che poi ne vien fuori!

La tela dipinta, se ti immedesimi,

è come una canzone

o una bella poesia,

che ti prende dentro,

ti coinvolge e te ne innamori,

quando in diversi tratti di colori

la tua anima intravedi!

E' come una finestra aperta

su mari,monti e cieli blu

o praterie di fiori 

di cui quasi percepisci gli odori

e anche il vento, se pur invisibile,

emana dolci suoni e sensazioni.

I tuoi occhi si perdono sognanti

in quel volo di fantasia

immortalato con maestria!

-Rosa Di Pino maggio 2019-

Dedicata al pittore Giuseppe Faraone dalla cui mano è nato il dipinto che mi ha rapito il cuore

 

I Bambini e l'Arte

Lettere scritte a Giuseppe Faraone dagli alunni delle scuole francesi  ENTRA

 

 

 

 

 

ALUNNI CHE HANNO RIPRODOTTO I MIEI DIPINTI  ENTRA

Link1 -

Link2

 

           Copyright  - Giuseppe Faraone