La forza di certe immagini, la possanza di certi versi: il culto dei colori, l'estasi della poesia. Questa pagina nasce dal connubio di due espressioni artistiche il cui scopo è da sempre l'esaltazione dell'anima umana, di quelle pieghe nascoste che suonano la loro sinfonia immergendosi nella pioggia e divenendo rugiada. Trasformando il sentire in incanto.I colori sono l'anima del pittore; i versi sono il sangue del poeta: è da questa secrezione di umanità che germina l'evoluzione dei popoli. E' da questa convinzione che nasce la pagina Poesia e Colori.  

-----------------------------------------------------------------------------------

Questa pagina non ha pretese di alcun genere. Ha una sola vocazione: se "la vita è l'arte dell'incontro", allora dall'incontro di anime si genera bellezza, che "Solo amore e luce ha per confine"(Dante Alighieri).

Questa Blog è anche su Facebook 

dom

02

ott

2022

Mattino d'autunno, Federico Garcia Lorca

Mattino d'autunno
di Federico Garcia Lorca
Che dolcezza infantile
nella mattinata tranquilla!
C'è il sole tra le foglie gialle
e i ragni tendono fra i rami
le loro strade di seta.
Mattino d'autunno" Giuseppe Faraone
Mattino d'Autunno Giuseppe Faraone
Mattino d'Autunno Giuseppe Faraone

dom

02

ott

2022

girasoli dipinti

I girasoli mi danno gioia e sono tra le cose che maggiormente
 amo 
dipingere, spesso uso la spatola per stendere il colore. 

sab

24

set

2022

L'impressionnisme poétique de Giuseppe Faraone

L'impressionnisme poétique de Giuseppe Faraone, "L'impressionnisme poétique" de Giuseppe Faraone, un artiste contemporain qui exprime les émotions à travers les couleurs, qui donnent à ses peintures brillance et harmonie. L'artiste utilise des rythmes chromatiques d'une intensité particulière qui font de lui "Un coloriste" c'est-à-dire un peintre qui fait de la couleur l'élément fondamental de son langage figuratif, a développé au fil des ans une technique de peinture exclusive qui le rapproche du monde impressionniste tant en usage de lumières et choix de couleurs.

 peintre, impressionniste, contemporain ,moderne

 

Artiste attentif aux thèmes de l'impressionnisme et aux voix stylistiques du monde figuratif contemporain, Giuseppe Faraone est l'artiste qui rêve et représente l'indicible. Dans une méditation intense, il superpose le paysage réel au fantastique et atteint une plénitude créative qui est le résultat de différents thèmes. Si chaque élément est décrit avec réalisme et vraisemblance, en même temps le concret s'estompe peu à peu jusqu'à prendre un aspect poétique et féerique. Dans l'œuvre Poésie de la mer, le paysage ne domine pas la composition puisque la figure est plongée dans une irisation féérique. C'est la synthèse entre la raison et le rêve, entre le visible et l'invisible, entre la réalité et l'imaginaire.

En fait, le paysage consiste en la transposition intime d'objets et de thèmes en une expérience formelle, une image personnelle de la perception et une élaboration fantastique de celle-ci. Vous ressentez immédiatement la joie de l'âme presque libérée de tout intérêt mondain. La joie s'exprime à l'image des fleurs, du fleuve et de la mer dont le chromatisme céleste vole de plus en plus haut dans un élan irrépressible qui dépasse les confins de l'univers. Ici commence le beau conte, le conte qui ne finit jamais.

 

 

Ce sont des atmosphères fantastiques, réunies par l'utilisation habile des formes et des couleurs. L'image du fleuve et de la mer rend bien l'élévation incessante de l'âme qui au-delà de toute déception et de toute peur, au-delà des cieux étoilés, au-delà des orages et des nuages, arrive dans les pures raisons de l'esprit avec le désir d'un plus beau monde, où il n'y a pas d'écho de douleur éternelle. Le système impressionniste intensifie la composante merveilleuse et poétique : on dirait un Eden hors du temps. C'est l'immersion heureuse dans la liberté et la mutabilité de la nature, mimésis aussi de la terre à la recherche d'une forme nouvelle et éternelle pour les retrouvailles heureuses et harmonieuses avec la matérialité et la spiritualité solaire de l'existence, en lien avec les vers d'Arthur Rimbaud : " L'éternité est la mer mêlée au soleil ».

Dans une adhésion réaliste aux données de la nature, dans une telle affinité avec l'impressionnisme, l'artiste revit puis réinterprète la réalité dans des univers personnels, suggestifs et évocateurs.

 

gio

22

set

2022

the modern impressionism of the contemporary painter Giuseppe Faraone

modern impressionist, contemporary, giuseppe faraone
Giuseppe Faraone
 

The modern the modern impressionism of the contemporary painter Giuseppe Faraone

An artist attentive to the themes of Impressionism and the stylistic voices of the contemporary figurative world, Giuseppe Faraone is the artist who dreams and represents the inexpressible. In an intense meditation, he superimposes the real landscape on the fantastic one and reaches a creative fullness that is the result of different themes. If each element is described with realism and verisimilitude, at the same time the concreteness gradually fades until it takes on a poetic and fairytale aspect.

 
 

Hi, I'm Giuseppe Faraone but almost everyone calls me Pino, I love colors and for me to paint is like entering another dimension where I can make my colorful dreams come true. I have been painting every day since I was 20 and what I feel in making a painting is such a beautiful feeling that I cannot describe it in words, my painting that I love the most is the next that is what I still have to do ... so from painting to painting the years have flown by and my hair has turned silver, time has passed quickly and I continue to chase the next most "beautiful" painting.

 
impressionism contemporary, giuseppe faraone
 

"Poetic Impressionism" by Giuseppe Faraone, a contemporary artist who expresses emotions through colors, which give his paintings brilliance and harmony. The artist uses chromatic rhythms of particular intensity that makes him "A Colorist" that is a painter who makes color the fundamental element of his figurative language, has developed over the years an exclusive painting technique that brings him closer to the impressionistic world both in use of lights and choice of colors

 
impressionim contemporary

sab

17

set

2022

“Beati coloro che si baceranno sempre al di là delle labbra, varcando il confine del piacere, per cibarsi dei sogni.” ALDA MERINI

“Beati coloro che si baceranno sempre al di là delle labbra, varcando il confine del piacere, per cibarsi dei sogni.” ALDA MERINI (dipinto di Giuseppe Faraone)
“Beati coloro che si baceranno sempre al di là delle labbra, varcando il confine del piacere, per cibarsi dei sogni.” ALDA MERINI (dipinto di Giuseppe Faraone)
“Appartenere a qualcuno significa entrare con la propria idea nell'idea di lui o di lei e farne un sospiro di felicità.” Alda Merini...Opera di Giuseppe Faraone
“Appartenere a qualcuno significa entrare con la propria idea nell'idea di lui o di lei e farne un sospiro di felicità.” Alda Merini...Opera di Giuseppe Faraone

gio

01

set

2022

Mostra permanente di Giuseppe Faraone

TANA DELL'ARTE

VIA TICINO 3

SAN DONATO MILANESE

Il canto dell'anima olio cm 40x50
Il canto dell'anima olio cm 40x50

La Tana dell'Arte è lo studio dove l'artista dipinge ed espone in permanenza, lo studio è aperto al pubblico e lo si può visitare in via Ticino 3 a San Donato Milanese, previa telefonata per accertarsi della presenza dell'artista 3385910679 

Milano Arco della Pace olio cm 60x60
Milano Arco della Pace olio cm 60x60
Paesaggio primaverile olio su tela cm 80x60
Paesaggio primaverile olio su tela cm 80x60
Luci e colore olio cm 80x80
Luci e colore olio cm 80x80
L'Adda a buchi, olio su tavola cm 50x40
L'Adda a buchi, olio su tavola cm 50x40
Libro su Giuseppe Faraone con 250 tavole a colori dell'artista
Libro su Giuseppe Faraone con 250 tavole a colori dell'artista

dom

24

lug

2022

La realtà in forma di favola. Con le opere di Giuseppe Faraone. Ediz. illustrata

La realtà in forma di favola. Con le opere di Giuseppe Faraone. Ediz. illustrata

 

Artista attento alle tematiche dell’Impressionismo e alle voci stilistiche del mondo figurativo contemporaneo, Giuseppe Faraone è l’artista che sogna e rappresenta l’inesprimibile. In una intensa meditazione, sovrappone il paesaggio reale a quello fantastico e giunge ad una pienezza creativa che è frutto di diverse tematiche. Se ogni elemento è descritto con realismo e verosimiglianza, nel contempo la concretezza si attenua progressivamente fino ad assumere un aspetto poetico e fiabesco.  Nell’opera Poesia del mare, il paesaggio non sovrasta la composizione poiché la figura è immersa in una fiabesca iridescenza.  E’ la sintesi tra la ragione e il sogno, tra il visibile e l’invisibile, tra la realtà e l’immaginazione.

Infatti, il paesaggio consiste nella intima trasposizione di oggetti e tematiche in esperienza formale, personale immagine della percezione e fantastica elaborazione di essa. Si avverte subito la letizia dell’animo quasi affrancato da ogni interesse mondano. La letizia è espressa nell’immagine dei fiori, del fiume e del mare il cui celeste cromatismo vola sempre più in alto in un irrefrenabile slancio che arriva oltre i confini dell’universo. Qui inizia la favola bella, la favola che non ha mai fine.

Sono atmosfere fantastiche, ravvicinate l’una all’altra dall’uso sapiente di forme e colori. L’immagine del fiume e del mare rende con efficacia l’incessante elevazione dell’animo che al di là di ogni delusione e paura, al di là dei cieli stellati, oltre i temporali e le nuvole, approda nelle pure ragioni dello spirito con il desiderio di un mondo più bello, ove non giunga eco di eterni dolori. L’impianto impressionista intensifica la componente meravigliosa e poetica: sembra un Eden fuori dal tempo. E’ la felice immersione nella libertà e nella mutevolezza della natura, anch’essa mimesi della terra alla ricerca di una forma nuova ed eterna per la felice e armoniosa ricongiunzione con la materialità e la solare spiritualità dell’esistenza, collegata ai versi di Arthur Rimbaud: “L’eternità è il mare mischiato al sole”.

In una realistica adesione ai dati della natura, in siffatta affinità con l’Impressionismo, l’artista rivive e quindi reinterpreta la realtà in personali mondi suggestivi ed evocativi; ricrea il “Tutto” in emblematiche progressioni di visioni fantastiche con l’apertura al mondo esterno e la condivisione con il mondo interno.  

Probabilmente, l’automazione e la smaterializzazione dei rapporti sociali hanno portato alienazione ed egli propone il suo ideale che non annulla le differenze spazio-temporali e non allontana l’esperienza diretta del reale, ma trasmette le sensazioni legate alla favola che è nel cuore di ogni individuo.  Nel nuovo spazio della globalizzazione, l’artista rifiuta l’astratto universalismo. Forse l’individuo si sente solo di fronte alla totalità del mondo ma i suoi puri, inalterabili e solidi sentimenti vincono e superano differenze, ostilità, distanziamenti, paure e aridità.

Segno di una ricerca che non si arrende mai, neppure ai cambiamenti storici, la pittura di Faraone risulta di forte attualità perché l’uomo ha bisogno di sogno, immaginazione, poesia, romanticismo ed evasione, oggi più di ieri.  Forse si avverte il rischio che l’uomo vada incontro a minacce insite nella civiltà industriale. Forse la società di massa ha messo in pericolo l’esistenza di valori autentici. Forse l’individuo è talmente preso nella sua corsa verso chissà quali obiettivi.  E allora Faraone immagina una difesa della vita in se stessa, a prescindere dalle condizioni sociali e storiche che sono caratterizzate dal dolce fluire degli eventi naturali, come i fiumi che attraversano i campi fertili delle sue opere e dell’immaginazione.

Da qui ha origine il suo “fiabesco realismo impressionista”: la realtà viene rappresentata e riproposta nell’elaborazione della luce e del colore ma legata all’idealismo, al quotidiano, alla percezione, all’impressione e all’eterno concetto del significante che si espande nel mondo e nella tela nella centripeta e sovrapposta naturalezza paesaggistica e figurale. Nel suo Impressionismo, l’energia materica, dinamica, naturale e primordiale è fusione del dinamismo di questo nuovo linguaggio artistico. Si nota l’obiettivo di rappresentare le percezioni, la fantasia,  l’immaginazione, la fiaba e la realtà attraverso la sensibilità, l’intuizione e una pittura basata su associazioni di colori perché, come ha recentemente affermato, i colori “da soli non dicono nulla, è l'artista che li anima mescolandoli insieme al suo stato d'animo, cosi nasce la pittura che non deve essere necessariamente né gioiosa né esteticamente bella, ma solo la cronaca delle proprie emozioni. Questa è la mia la mia Arte”. In questa moderna struttura impressionista, subentra il valore semantico degli artifici materici e del simbolismo cromatico. Siccome immagini e colori diventano simboli che fanno intuire forze evocative e quasi misteriose, l’artista crea paesaggi per trarne la più intima essenza mediante la disposizione dei tratti e dei loro rapporti cromatici.  L’immaginazione tende a dare densità al sentimento di infinita e poetica libertà: di qui il ricorrere ad immagini liriche, particolarmente consone per la loro aderenza al motivo dinamico della pittura. ...(continua sul libro) Copyright

Maria Pia Cappello

 

 

dom

24

apr

2022

il pittore Giuseppe Faraone

La realtà in forma di favola. Con le opere di Giuseppe Faraone. Ediz. illustrata di Maria Pia Cappello (Autore)

Artista attento alle tematiche dell’Impressionismo e alle voci stilistiche del mondo figurativo contemporaneo, Giuseppe Faraone è l’artista che sogna e rappresenta l’inesprimibile. In una intensa meditazione, sovrappone il paesaggio reale a quello fantastico e giunge ad una pienezza creativa che è frutto di diverse tematiche. Se ogni elemento è descritto con realismo e verosimiglianza, nel contempo la concretezza si attenua progressivamente fino ad assumere un aspetto poetico e fiabesco.  Nell’opera Poesia del mare, il paesaggio non sovrasta la composizione poiché la figura è immersa in una fiabesca iridescenza.  E’ la sintesi tra la ragione e il sogno, tra il visibile e l’invisibile, tra la realtà e l’immaginazione.

Infatti, il paesaggio consiste nella intima trasposizione di oggetti e tematiche in esperienza formale, personale immagine della percezione e fantastica elaborazione di essa. Si avverte subito la letizia dell’animo quasi affrancato da ogni interesse mondano. La letizia è espressa nell’immagine dei fiori, del fiume e del mare il cui celeste cromatismo vola sempre più in alto in un irrefrenabile slancio che arriva oltre i confini dell’universo. Qui inizia la favola bella, la favola che non ha mai fine.

Sono atmosfere fantastiche, ravvicinate l’una all’altra dall’uso sapiente di forme e colori. L’immagine del fiume e del mare rende con efficacia l’incessante elevazione dell’animo che al di là di ogni delusione e paura, al di là dei cieli stellati, oltre i temporali e le nuvole, approda nelle pure ragioni dello spirito con il desiderio di un mondo più bello, ove non giunga eco di eterni dolori. L’impianto impressionista intensifica la componente meravigliosa e poetica: sembra un Eden fuori dal tempo. E’ la felice immersione nella libertà e nella mutevolezza della natura, anch’essa mimesi della terra alla ricerca di una forma nuova ed eterna per la felice e armoniosa ricongiunzione con la materialità e la solare spiritualità dell’esistenza, collegata ai versi di Arthur Rimbaud: “L’eternità è il mare mischiato al sole”.

In una realistica adesione ai dati della natura, in siffatta affinità con l’Impressionismo, l’artista rivive e quindi reinterpreta la realtà in personali mondi suggestivi ed evocativi; ricrea il “Tutto” in emblematiche progressioni di visioni fantastiche con l’apertura al mondo esterno e la condivisione con il mondo interno.  

Probabilmente, l’automazione e la smaterializzazione dei rapporti sociali hanno portato alienazione ed egli propone il suo ideale che non annulla le differenze spazio-temporali e non allontana l’esperienza diretta del reale, ma trasmette le sensazioni legate alla favola che è nel cuore di ogni individuo.  Nel nuovo spazio della globalizzazione, l’artista rifiuta l’astratto universalismo. Forse l’individuo si sente solo di fronte alla totalità del mondo ma i suoi puri, inalterabili e solidi sentimenti vincono e superano differenze, ostilità, distanziamenti, paure e aridità.

Segno di una ricerca che non si arrende mai, neppure ai cambiamenti storici, la pittura di Faraone risulta di forte attualità perché l’uomo ha bisogno di sogno, immaginazione, poesia, romanticismo ed evasione, oggi più di ieri.  Forse si avverte il rischio che l’uomo vada incontro a minacce insite nella civiltà industriale. Forse la società di massa ha messo in pericolo l’esistenza di valori autentici. Forse l’individuo è talmente preso nella sua corsa verso chissà quali obiettivi.  E allora Faraone immagina una difesa della vita in se stessa, a prescindere dalle condizioni sociali e storiche che sono caratterizzate dal dolce fluire degli eventi naturali, come i fiumi che attraversano i campi fertili delle sue opere e dell’immaginazione.

Da qui ha origine il suo “fiabesco realismo impressionista”: la realtà viene rappresentata e riproposta nell’elaborazione della luce e del colore ma legata all’idealismo, al quotidiano, alla percezione, all’impressione e all’eterno concetto del significante che si espande nel mondo e nella tela nella centripeta e sovrapposta naturalezza paesaggistica e figurale. Nel suo Impressionismo, l’energia materica, dinamica, naturale e primordiale è fusione del dinamismo di questo nuovo linguaggio artistico. Si nota l’obiettivo di rappresentare le percezioni, la fantasia,  l’immaginazione, la fiaba e la realtà attraverso la sensibilità, l’intuizione e una pittura basata su associazioni di colori perché, come ha recentemente affermato, i colori “da soli non dicono nulla, è l'artista che li anima mescolandoli insieme al suo stato d'animo, cosi nasce la pittura che non deve essere necessariamente né gioiosa né esteticamente bella, ma solo la cronaca delle proprie emozioni. Questa è la mia la mia Arte”. In questa moderna struttura impressionista, subentra il valore semantico degli artifici materici e del simbolismo cromatico. Siccome immagini e colori diventano simboli che fanno intuire forze evocative e quasi misteriose, l’artista crea paesaggi per trarne la più intima essenza mediante la disposizione dei tratti e dei loro rapporti cromatici.  L’immaginazione tende a dare densità al sentimento di infinita e poetica libertà: di qui il ricorrere ad immagini liriche, particolarmente consone per la loro aderenza al motivo dinamico della pittura....... 

 

mar

19

apr

2022

Il pittore Giuseppe Faraone omaggia Picerno

Una tela che ritrae la piazza e una coppia di innamorati. Il dono dell’artista Faraone alla sua Picerno

Un’opera olio su tela è stata donata alla comunità di Picerno da parte di Pino Faraone, artista di origini picernesi, che vive a San Donato Milanese. L’artista ha incontrato il sindaco Giovanni Lettieri e l’assessore alla cultura, Carmela Marino, a margine di una mostra nella Torre Medievale.

La cerimonia di consegna è stata emozionante e di grande significato: quello dell’attaccamento alla propria comunità.

L’opera ritrae Piazza Plebiscito e una coppia di innamorati. “Ho immaginato – ha detto Faraone – quei giorni della mia gioventù, quando stavo in piazza e nascevano lì i primi amori. Ho immaginato la via dell’amore e ho donato l’opera alla comunità picernese. L’ho fatto con il cuore perché, anche se distante, mi sento parte di questa splendida comunità“.

L’opera è stata già installata nel Municipio. “La custodiamo gelosamente. I picernesi che vanno fuori e si realizzano con qualcosa di importante – ha sottolineato il sindaco – non dimenticano mai il luogo di origine, come ha fatto Faraone, che ci ha deliziato con questa splendida opera“.

Faraone è un artista che si è formato anche all’estero e il suo nome risulta anche sui testi degli alunni delle scuole primarie.

“Il nostro Giuseppe Faraone – ha sottolineato l’assessore Marino – è un’autentica fortuna. Abbiamo avuto l’onore di ammirare i suoi dipinti. Grazie di cuore da parte mia e di tutta Picerno, per aver regalato al nostro paese, a mio avviso, il dipinto più bello della collezione. Il più bello proprio per il suo spettacolare gioco di luci, che colpisce dritto al cuore infondendo serenità e piacevoli ricordi, al punto tale da potersi perdere in un labirinto di mille emozioni positive“.

– Claudio Buono –

sab

16

apr

2022

Giuseppe Faraone dal monte Li Foj alla butte de Montmartre

Volume scritto dallo storico Vitantonio Palmisano

Questa monografia su Giuseppe Faraone rende omaggio a uno degli esponenti del secondo Novecento italiano, un artista che tuttora apporta seri e coerenti contributi sul piano del naturalismo e neo-impressionismo con forte carica emozionale e romantica.....

IL PITTORE GIUSEPPE FARAONE

dal Li Foi alle butte de Montmartre

(Vitantonio Palmisano)

Con prefazione di Giuseppe Gerosa Brichetto

Fotografie di Emilio Ferrari

Melegnano febbraio 1995

Volume a tiratura limitata numerata

Gemini Grafica snc. di S. & A. Girompini

In copertina: Olio su tavola misura 40×30, 1994, “Boulevard Garibaldi”, collezione privata.

Lo studio dell'artista è visitabile previo appuntamento tutti i giorni

Tana dell'Arte, studio pittore Giuseppe Faraone
Giuseppe Faraone, il poeta dei colori
Giuseppe Faraone

I colori da soli non dicono nulla, è l'artista che li anima mescolandoli insieme al suo stato d'animo, cosi nasce la pittura che non deve essere necessariamente né gioiosa né esteticamente bella, ma solo la cronaca delle proprie emozioni. Questa è la mia la mia Arte

(Giuseppe Faraone)

The colors themselves do not mean anything it's the artist who brings to life, by mixing them with his soul. Thus the painting is created. It does not have to be perfect, but moving and full of emotions.

This is my art “ (Giuseppe Faraone)

Omaggi a  Giuseppe Faraone

A Giuseppe Faraone di Adelia Rossi

 

Cantastorie sognatore.

Racconta la vita con maestria.

Or con pennellate

intrise di buon umore,

altre pervase

da una languida malinconia

che sgorga dall'intimo del cuore.

Basta una nota intrisa di pianto,

la carezza del vento

in un campo di grano,

o un gatto che osserva poco lontano.

Coglie l’essenza di ogni cosa

anche laddove qualcuno non osa….

pure fosse l’estremo pensiero

che vagabonda per via

lui coglie l'estro di fare poesia.

 

Adelia Rossi (poetessa)

Giuseppe Faraone, Parigi

All'amico Giuseppe Faraone

Sei Giuseppe tu

o d'altro nome ti fregi?

Forse sangue di limo

scorre tra i pensieri e

nelle dita sporche di colore.

Faraone ti chiami

eppur senza schiavi nè ancelle

lontani i cieli cobalto

palazzi , bistro e corona:

dinastie sedotte dal tempo.

Ma sei qui, come allora

e scordata la gravità del Rango

dipingi con l'oro degli avi.

Da canopi ormai arsi

forgi con l'occhio

arcobaleni evanescenti

che dalle mani fai

divenir confini di luce.

Emanuela Carniti Merini

 (Poetessa figlia di Alda Merini)

Flavio Nimpo

La pittura di Giuseppe Faraone è sommesso canto d’anima, che evoca, sussurra, rimembra lungo una scia di stati interiori, impressioni, emozioni, che si fissano sulla tela con sensibilità artistica intimamente legata a talento e suggestive scelte cromatiche. Le pennellate sono specchio di uno sfogo lirico tradotto in racconto icastico e tutto rivela la potenza espressiva del colore fra sfumature, digradazioni, variazioni, capaci di intensa vis rappresentativa. Per l’artista dipingere equivale a splendido volo: la tela si traduce in etereo librarsi verso orizzonti infiniti…

Flavio Nimpo (poeta)

 

IL CANTO DELL'ANIMA 

Le pennellate di un pittore

sono guidate dal cuore

tramite la sua mano, 

che sinuosa danza e si muove

lasciando sulla tela colore, passione.

Ci puoi leggere la sua sensibilità

mescolata a tanta creatività,

ma anche tante emozioni,

ammirando ciò che poi ne vien fuori!

La tela dipinta, se ti immedesimi,

è come una canzone

o una bella poesia,

che ti prende dentro,

ti coinvolge e te ne innamori,

quando in diversi tratti di colori

la tua anima intravedi!

E' come una finestra aperta

su mari,monti e cieli blu

o praterie di fiori 

di cui quasi percepisci gli odori

e anche il vento, se pur invisibile,

emana dolci suoni e sensazioni.

I tuoi occhi si perdono sognanti

in quel volo di fantasia

immortalato con maestria!

-Rosa Di Pino maggio 2019-

Dedicata al pittore Giuseppe Faraone dalla cui mano è nato il dipinto che mi ha rapito il cuore

 

I Bambini e l'Arte

Lettere scritte a Giuseppe Faraone dagli alunni delle scuole francesi  ENTRA

 

 

 

 

 

ALUNNI CHE HANNO RIPRODOTTO I MIEI DIPINTI  ENTRA

Link1 -

Link2

 

           Copyright  - Giuseppe Faraone